31 ottobre 2017

SESTO COMPLEANNO DELLA TANA

Luoghi comuni, stereotipi e modi di dire

 

Antipasti

“Una volta la verdura aveva tutto un altro sapore!”

– Millefoglie di carasau e verdure autunnali con Agrì di Valtorta

“Ol prìm dè de malga ‘s fa mia ol bötèr” (Il primo giorno di malga non si fa il burro)

– Chissöl e salàm

“La politica ormai è tutto un magna magna, chi va a Roma prende la poltrona!”

-Supplì, crostino alla ponticiana e puntarelle alla romana.

 

Primi piatti 

“Söche e melù a la sò stagiù”

-Gnocchi di zucca al burro d’alpeggio, Parmigiano e salvia

“Non ci sono più le mezze stagioni”

-Crespelle agli asparagi

“A chi come otèr, ghe  ölerès ‘n po’ de tèp de guèra!” (A quelli come voi servirebbe vivere in tempo di guerra)

-Borfadèi (polenta e latte)

 

Secondi piatti

“Al Nord sono tutti chiusi e freddi”

-Cassoeula con polenta

“Ala tò età, saltàe i fòss per lònc!” (Alla tua età, saltavo i fossi nel senso della lunghezza)

-Rane in umido con polenta

“A tempo di guerra ogni cavallo ha soldo”

-Pastissada de cavàl.

 

Dessert

“Ogne scarrafone è bell’ a mamma soja.”

-Pastiera napoletana (ma senza la soja)

“Venezia è bella ma non ci vivrei”

-Torta Nicolotta

“Chi fa “dessert” fa per tre”

-Tris di dolci del giorno

 

 

“Ai miei tempi, ci si alzava da tavola quando tutti avevano finito!”

 

Costo del menu vino escluso: due portate + dessert   €25

                                                      tre portate + dessert    €30