Menù di Capodanno

31 dicembre 2020

UNA PROPOSTA GASTRONOMICA

DISPONIBILE PER IL CENONE DI FINE ANNO
OPPURE PER IL PRANZO DI CAPODANNO

ANTIPASTI   €13.00

Terrina di maiale, scalogni glassati, pan brioche e cotognata
Chissol con cuore di Stracchino all’Antica e funghi porcini

Tartare di pecora gigante orobica, cruditè di carciofi e maionese all’aneto
Battuta di bue grasso piemontese con giardiniera e cialda di arachidi

Gamberi marinati con hummus e falafel di cicerchia

PRIMI PIATTI   €12.00

Crespelle alle castagne di Averara, cipolle all’idromele e Formai de Mut
Gnocchi di pane e mortadella “La Favola” con cavolo nero stufato
Gnocchi di zucca gratinati con stracchino all’antica

Lasagne con ragout di cinghiale
Cavatelli al ragout di polpo e pomodori confit

SECONDI PIATTI  €15.00

Bollito misto di bue grasso di Nizza Monferrato con salse in accompagnamento € 20.00

Capù magher in umido di pomodoro e polenta bergamasca
Lagarto di patanegra marinato con ratatouille di verdure

“Òl codeghì del Marco” con le lenticchie

Cavolfiore mantecato con “valsurdì” e cialda di polenta nera soffiata

DESSERT  €4.00

Panna cotta alla mandorla, caki e timo
Cheese cake con marmellata di sambuco

Tiramisù

Frangipane con frutta secca
Crostata al rabarbaro

GASTRONOMIA

PER INGANNARE L’ATTESA…

Salame bergamasco: di puro suino, allevato con siero di latte ed ortaggi
con passione e dedizione dal mio amico Marco €/kg 25.00
Cacciatore: di carne bovina allevata a fieno BIO e carne suina €/pz 4.00
Soppressa all’amarone del premiato salumificio Caprini di Negrar €/Kg 25.00

PRIMI PIATTI

Casoncelli alla bergamasca €/Kg 20.00
(disponibili confezioni da 500gr o da 1 Kg)
Scarpinocc de Parr €/Kg 20.00
(disponibili confezioni da 500gr o da 1 Kg)
Box risotto alla milanese con osso buco €/cad 20.00
Tutto l’occorrente (ed anche di più) per preparare il re dei risotti

ACCESSORI

Ragout di bue grasso piemontese

in pratiche vaschette da 500gr (per 4 persone) €/cad 10.00

Selezione di formaggi del territorio:
Stracchino all’antica €/Kg 16.00
Roccolo della Valtaleggio €/Kg 16.00
Taleggio di Vedeseta €/Kg 15.00
Branzi FTB 180 gg di stagionatura €/Kg 20.00

PRENOTA I TUOI PIATTI ENTRO IL 30 DICEMBRE

 

 

CHIAMANDO IL NUMERO 035213137
OPPURE INVIA UNA MAIL ALL’INDIRIZZO
PRENOTAZIONI@TANARISTORANTE.IT

CONSEGNA IN TUTTA LA

PROVINCIA

 

 

Le consegne avranno inizio il giorno 30 dicembre
e saranno gratuite per la città di Bergamo ed i comuni limitrofi

con un ordine minimo di € 50.

Per le zone oltre i 10 Km di distanza dal ristorante verrà applicato

un costo di spedizione di € 5.00

SONO DISPONIBILI I VINI DELLA NOSTRA CARTA

CON UNO SCONTO DEL 25%

INDICAZIONI PER CAPODANNO

CHISSOL CON CUORE MORBIDO DI STRACCHINO ALL’ANTICA E FUNGHI PORCINI

Il chissol va mangiato bello caldo. Imposta il forno a 200 °C, metti i chissol in teglia (puoi usare la stessa che userai per il pan brioche) e infornali per una decina di minuti.

Nel frattempo puoi riscaldare i funghi, o in padella per 4 minuti a fuoco vivace o semplicemente al microonde.

Per impiattare, adagia i funghi sul piatto e sopra ci appoggi i chissol, i funghi fungeranno da base per evitare che rotolino nel piatto.

 

 

TERRINA DI MAIALE, SCALOGNI GLASSATI, PAN BRIOCHE E COTOGNATA

La terrina di maiale può essere consumata ad ogni temperatura, fredda, ambiente o leggermente scaldata in forno.

Nel caso in cui tu voglia mangiarla calda, puoi adagiare le fette di pan brioche su una teglia coperta di carta forno,ci appoggi sopra le fette di terrina e riscaldi il tutto a 180°C per 5 minuti, se invece tu volessi mangiarla a temperatura ambiente, scalderai solamente il pan brioche, alla stessa temperatura e per lo stesso tempo.

Gli scalogni glassati li puoi scaldare in microonde per 3 o 4 minuti oppure in una padella per 5 minuti.

Una volta scaldato il tutto, puoi comporre il piatto ponendo alla base il pan brioche, la terrina sopra e la cotognata in cima. Gli scalogni è meglio tenerli a lato del piatto per evitare di bagnare il pan brioche.

Tieni pure il forno acceso perché poi ti servirà per rigenerare i primi piatti.

 

 

TARTARE DI PECORA GIGANTE OROBICA, CRUDITE’ DI CARCIOFI E MAIONESE ALL’ANETO

La tartare è già condita, non devi fare altro che aprire le buste e impiattare la tartare con i carciofi crudi sopra di essa e la maionese a lato.

 

 

CRESPELLE ALLE CASTAGNE DI AVERARA, CIPOLLE ALL’IDROMELE E FORMAI DE MUT

Le crespelle sono già farcite, non devi fare altro che adagiarle sulla teglia e infornarle per 10 minuti a 200°C finché non saranno belle gratinate e poi servile.

GNOCCHI DI PANE E MORTADELLA “LA FAVOLA” E CAVOLO NERO STUFATO

Metti gli gnocchi in una padella antiaderente con un goccio d’acqua e la noce di burro che troverai nella confezione e riscaldali a fuoco dolce mescolando molto delicatamente. Quando l’acqua sarà evaporata, spegni il fuoco e aggiungi il Grana Padano ed amalgamalo formando una bella cremina.

Il cavolo nero puoi riscaldarlo o al microonde per 5 minuti o in padella con un goccio d’acqua per lo stesso tempo a fuoco vivace.

Una volta che tutto sarà caldo, metti il cavolo nero stufato alla base del piatto e adagiaci gli gnocchi sopra.

 

 

BOLLITO MISTO DI BUE GRASSO DI NIZZA MONFERRATO CON SALSE DI ACCOMPAGNAMENTO

Nel contenitore troverai:

  • una busta di bollito già porzionato individualmente(i tagli sono: muscolo, copertina di spalla, biancostato, lingua, cotechino, gallina e testina di vitello);
  • Contenitori con salse di accompagnamento (salsa verde, salsa di noci e miele, mostarda di frutta, confettura di peperoni verdi, confettura di cipolle rosse e confettura di mele cotogne);
  • Una busta di verdure lesse porzionate individualmente.

Per rigenerare il bollito e le verdure, sarà sufficiente mettere una pentola d’acqua a riscaldare sul fuoco e, una volta calda (non è necessario che raggiunga il punto di ebollizione, anzi, meglio se la tieni a fuoco basso), immergi le buste per 7/10 minuti. Trascorso il tempo, apri le buste facendo attenzione a non scottarti coi succhi di cottura rilasciati dalla carne (e dall’acqua rilasciata dalle verdure) e impiattale con le salse a parte.

 

 

PANNA COTTA ALLA MANDORLA, CAKI E TIMO

Il dessert non ha bisogno di ulteriori cure se non quelle che gli darai affondandoci il cucchiaino dentro.

 

 

COCCOLE SALATE: “OL CODEGHì DEL MARCO” CON LE LENTICCHIE

Per rigenerare il cotechino con le lenticchie non devi far altro che metterlo in una padella antiaderente con un goccio d’acqua (giusto quel tanto che basta per far sì che le lenticchie non attacchino) e scaldarlo per 7/8 minuti a fuoco moderato. Vedrai tu se mangiarlo allo scoccare della mezzanotte, tenerlo per il giorno dopo o se fare il temerario avventuriero e mangiarlo a colazione, la scelta è ampia.